sabato 17 dicembre 2011

Come lavora la tipografia nella stampa del vostro logo


Prima un po' di storia: L'invenzione della stampa a caratteri mobili è attribuita al tedesco Johann Gutenberg, seppure sia probabile che già i cinesi utilizzassero in precedenza tecniche simili e che, contemporaneamente a Gutenberg, anche stampatori tedeschi, boemi, italiani (Panfilo Castaldi) e olandesi stessero lavorando nella stessa direzione. In ogni caso, Gutenberg, in società con il banchiere Johann Fust e con l'aiuto dell'amanuense Peter Schöffer, stampa tra il 1448 e il 1454 a Magonza il primo libro con questa tecnica...
In ambito tipografico un carattere viene definito logotipo ed esistono logotipi con gli aspetti più disparati. In informatica una famiglia di logotipi viene invece denominata font, termine che viene anche italianizzato in fonte. Anche dei font esistono molte diverse tipologie e varianti. Queste sono contraddistinte da nomi specifici, taluni dovuti a ragioni storiche (Bodoni, Helvetica, Sans serif, Garamond, Baskerville, Times, Courier, ...), altri di fantasia.



La stampa su carta si avvale del procedimento a quattro colori, detto quadricromia (ciano, magenta, giallo e nero) chiamato per comodità CMYK, dal nome inglese dei quattro colori, Cyan, Magenta, Yellow, blacK.. (segue su wikipedia)
Ci sono molti tipi di macchine da stampa, ma tutte utilizzano le stesse procedure nella realizzazione del vostro lavoro. In questa sequenza di divertenti immagini, analizzeremo come la stampa offset lavorerà il vostro nuovo logo per la creazione di biglietti da visita...



Fonte STOCKLOGOS






1 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
loghi aziendali